Ilfattoquotidiano.it è il terzo sito più letto in assoluto, secondo l’ultima classifica rilasciata da Audiweb e relativa al mese di novembre 202o. Il sito del Fatto Quotidiano, infatti, si è piazzato sul podio della top 100, subito dopo Corriere e Repubblica, superando anche Messaggero e TgCom e registrando un aumento del 28% degli utenti unici rispetto al mese precedente. Novembre è stato un mese da record, con una media giornaliera di 2.933.681 lettori e 5,838,000 pagine viste. Un risultato migliore persino del mese di marzo, che ha visto l’arrivo della pandemia.

Ecco la classifica sulla base del traffico organico, cioè al netto delle partnership tra editori diversi.

UTENTI UNICI – MEDIA GIORNALIERA NOVEMBRE 2020

Corriere 4,571,810
Repubblica 4,030,088
Il Fatto Quotidiano 2.933.681
Il Messaggero 2,362,374
FanPage 2,324,350
TgCom 2,066,912
La Gazzetta dello Sport 1,392,252

La classifica completa è disponibile su Prima Comunicazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Canada, i giornali escono con le prime pagine vuote e il governo pensa a una legge per far pagare le news a Google e Facebook

next
Articolo Successivo

La morte del talk show politico è all’orizzonte: chi sarebbe il vincitore?

next