“Guardo sempre al futuro, bisogna pensare al bene dell’Italia, quindi nessun rammarico“. Così il premier uscente Giuseppe Conte, rispondendo ai cronisti al termine della mattinata che ha visto il vertice dei big del Movimento 5 stelle e le consultazioni dei pentastellati con il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi.
“Cerchiamo e auguriamoci che si creino le condizioni affinché il Paese sia messo in sicurezza al più presto. Sono tante le urgenze del Paese, i sentimenti personali non hanno alcun rilievo. Non guardiamo ai destini personali – ribadisce – guardiamo al bene del Paese che c’è tanta sofferenza in giro”. Quanto al vertice con i 5 Stelle, “è stato un confronto molto schietto, molto aperto e franco” ha spiegato

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s, Bonafede: “Movimento compatto, linea è quella di Crimi. Ruolo di Conte? Prematuro dirlo”

next
Articolo Successivo

Licheri (M5s): “Draghi? L’abbiamo conosciuto, ma non si parla ancora di governo. Su voto su Rousseau nessuna decisione”

next