Sono sempre più numerosi e importanti nei paesi arabi i segnali di turbolenze politiche. Le potenziali rivolte non sono più una grande sorpresa, ma la situazione attuale dovrebbe sollevare preoccupazioni politiche e di sicurezza in tutti gli stati dell’area.

A più di dieci anni dall’inizio delle rivolte della Primavera araba, in cui le questioni di fondo all’interno dei paesi arabi furono apertamente rivelate, non c’è stato un vero approccio politico per gestire il cambiamento o offrire soluzioni. C’è una netta mancanza di analisi di ciò che sarebbe necessario e quasi nessuna misura proattiva per affrontare i problemi che si pongono pressanti. La riforma politica è necessaria ora, non a lungo termine.

La Giordania, che quest’anno festeggia 100 anni dalla fondazione del suo sistema politico, ha affrontato diversi momenti critici, difficoltà e sfide. Ci sono stati periodi promettenti in cui il cambiamento è stato adottato per gestire le situazioni che si presentavano in un’ottica di progresso e sviluppo. Nel 1989, a seguito della rivolta di aprile, è stata forte la volontà politica di risolvere i problemi di fondo non solo dal mero punto di vista economico, ma con una visione molto più ampia basata sull’inclusione nella vita politica e sul miglioramento del processo democratico.

Nell’ultimo decennio abbiamo anche assistito ad alcuni tentativi di attuare emendamenti costituzionali e aumentare la trasparenza della politica nel paese.

Ad ogni livello, questo è un fatto importante per un Paese che ha dovuto affrontare molte difficoltà politiche ed economiche. La Giordania rappresenta un importante modello di stabilità rispetto ai paesi circostanti che devono affrontare gravi sfide, sia interne che internazionali. Tuttavia, nel valutare il livello di progresso e sviluppo, è imperativo che i decisori politici non cadano nella trappola di tale confronto per convincersi che le cose sono sulla strada giusta. Il cambiamento e lo sviluppo sono continui e progressivi e si dovrebbe sempre cercare di imitare i modelli di successo, invece di limitare il confronto con quelli che sono in una situazione peggiore.

I giordani devono impegnarsi nella costruzione di una Giordania migliore. Sebbene il cambiamento sia un processo lungo e complicato, tale è il prezzo della riforma. Lo sviluppo politico deve affrontare molti ostacoli, principalmente la presenza continua degli stessi personaggi politici, molti dei quali sono riemersi come una “sbornia” dagli errori del passato, ma non hanno alcun sostegno popolare. Il cosiddetto “sogno giordano” può essere realizzato creando un’atmosfera di inclusione e riconoscimento dell’attuale attivismo politico all’interno della società. Nell’affrontare tali tendenze, i decisori dovrebbero rendersi conto che nulla può fermare l’evoluzione della democrazia giordana, in quanto è il risultato inevitabile dell’evoluzione del pensiero.

La politica e il desiderio di impegnarsi nel sistema politico porteranno sempre a nuovi movimenti, poiché le generazioni hanno nuove idee e maggiori aspettative. I responsabili delle decisioni alla fine devono salire a bordo o essere lasciati indietro. Attualmente c’è una crescente frustrazione che deve essere affrontata con creatività e ottimismo. È imperativo incoraggiare la diversità invece di temere l’opposizione. Allo stesso modo, è importante che i nuovi movimenti si incontrino, parlino e condividano per trovare una convergenza di idee per unirsi in un’opposizione costruttiva ed efficace.

Un equilibrio di successo richiede una comprensione completa dello scopo del cambiamento, una revisione delle politiche precedenti che non hanno portato ai risultati desiderati e la ricerca del percorso migliore verso il successo. Questo può essere applicato a tutto; dalla riduzione della corruzione alla diffusione del potere e dell’influenza fino alla gestione delle masse che chiedono una maggiore inclusione, questo aspetto riguarda soprattutto i giovani. I giordani sono alla ricerca di una forte leadership, una chiara visione a lungo termine, un forte processo decisionale e la determinazione a implementare e apprendere lungo la strada al fine di raggiungere questi risultati.

Un Rinascimento giordano dovrebbe essere l’obiettivo del prossimo anno, un movimento illuminato che copre tutti gli aspetti della vita. Dovrebbe essere un movimento culturale che includa arte, istruzione e soprattutto che sia capace di consolidare i concetti di pluralismo, diversità e Stato di diritto. In questo modo, la Giordania può iniziare il suo vero Rinascimento e svolgere un ruolo da protagonista nella ricostruzione della cultura della regione.

Salvare l’eredità di un secolo dello Stato giordano e porre le basi per il progresso futuro richiede un processo di revisione e revisione delle politiche a tutti i livelli. Questo sarebbe un approccio sano per il Regno e dovrebbe essere fatto nel contesto di un piano di sicurezza nazionale che tenga conto delle sfide sociali ed economiche, nonché dei rischi per la sicurezza che la Giordania deve affrontare oggi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

K2, tre alpinisti dispersi. “Da più di 30 ore non si hanno notizie e i loro localizzatori Gps sono spenti”

next
Articolo Successivo

Covid, via libera condizionato della Cina al vaccino della Sinovac (che l’Ema sta studiando)

next