Permettere anche ai bambini rifugiati di poter tornare a scuola in un periodo in cui la pandemia di Sars-Cov-2 ha allargato le disuguaglianze sociali e peggiorato le condizioni di vita di tanti minori che già vivevano situazioni delicatissime in contesti estremi. È questo l’obiettivo della nuova campagna “Fantastica Routine” organizzata dall’UNHCR, aiutando 700mila bambini rifugiati a tornare a scuola, con una donazione al 45588. I fondi raccolti serviranno per ricostruire 4000 scuole nel Sahel, che sono andate distrutte o sono chiuse a causa di conflitti, degli effetti dei cambiamenti climatici e dell’emergenza coronavirus. Tra i testimonial dell’iniziativa di solidarietà c’è l’attrice Cecilia Dazzi che ha supportato la campagna con un video-appello per sensibilizzare l’opinione pubblica sull’importante tema dell’istruzione gratuita e di qualità per i bimbi che fuggono da guerre e violenze. “L’epidemia di Covid-19 ci ha obbligati per molti mesi a stare in casa e ha lasciato segni e conseguenze talvolta radicali negli stili di vita di tutti noi” dice Dazzi al Fatto.it. “Siamo passati da una vita spesso troppo frenetica dove ‘non ho tempo per fare altre cose’ a un lungo periodo di ‘immobilità’ in cui abbiamo riscoperto l’importanza del tempo. Anche ai bambini e ai ragazzi sono stati chiesti dei grandi sacrifici tra cui rinunciare alla scuola, importante per il loro bisogno di apprendimento ma anche principale luogo dove poter socializzare e confrontarsi con amici e compagni di scuola, con effetti negativi sulla loro salute”. Per molti di loro la scuola non svolge solo la funzione di istruire ma è anche un rifugio, un luogo sicuro lontano dai pericoli e dallo sfruttamento.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il Parlamento Ue vuole risolvere la precarietà abitativa in Europa: una svolta epocale

next
Articolo Successivo

Arriva a Milano l’accademia di programmazione informatica per i rifugiati: “Così promuoviamo l’inclusione lavorativa”

next