“Basta soldi buttati per noi, stop al Piano Rom“, si legge su uno dei cartelli esposti stamattina in Piazza del Campidoglio, da alcune decine di famiglie rom dei campi romani di via Candoni, Castel Romano e La Barbuta arrivati sotto la lupa capitolina per chiedere l’assegnazione di una casa popolare. A supportare la protesta l’Associazione 21 Luglio: “Per la prima volta sono i rom a dire alla città di Roma che i piani rom non servono”, spiega il presidente, Carlo Stasolla. “Si tratta di famiglie che hanno fatto regolare domanda di casa popolare senza alcuna corsia preferenziale e adesso chiedono lo sblocco delle assegnazioni ferme ormai da quasi un anno. Se si sbloccasse la graduatoria delle case popolari, molti di loro, senza corsie preferenziali, potrebbero accedere tranquillamente alle abitazioni. Chiedono – ha aggiunto- di essere considerati cittadini come gli altri”.

Per molti avere una casa, significherebbe riuscire a integrarsi. “Basta cambiare indirizzo”, racconta Hanif, tra le poche a essere riuscita a ottenere un alloggio. “Quando vedono scritto via Pontina le porte si chiudono, invece entrando in una casa leggeranno un’altra via e troveranno un lavoro”. C’è chi il proprio lavoro l’ha perso durante la pandemia e ora si sostiene con il reddito di cittadinanza. Ma a rendere difficile la vita nei campi nomadi, soprattutto con la pandemia, ci sono la mancanza di luce e di acqua come raccontano vari manifestanti. Una piccola delegazione è stata ricevuta in Campidoglio, tuttavia l’Associazione 21 Luglio guarda al futuro: “Tra un mese presenteremo un dettagliato piano – conclude Stasolla – dove illustreremo le modalità per chiudere in tre anni tutti i campi della Capitale e lo sottoporremo a ogni sindaco che si candiderà”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Edith Bruck, testimone della Shoah: “Ho paura per i giovani, il futuro non sembra roseo. Ogni giorno per me è un giorno della Memoria”

next
Articolo Successivo

Vaccino Covid, la poca trasparenza sui contratti con le case farmaceutiche è benzina sul fuoco

next