Il meccanismo della divisione in zone funziona, i lockdown nazionali ‘stop and go’ no: ne è convinto il ministro per gli Affari regionali Francesco Boccia, che a Che tempo che fa su Rai3 ha replicato a chi – dal consigliere del ministro della Salute Walter Ricciardi all’infettivologo Massimo Galli – contesta l’efficacia del sistema introdotto nel novembre scorso dal governo per contrastare la pandemia. Puntando ad abbassare i contagi senza impattare in modo trasversale sull’economia del Paese. “Il lockdown nazionale presuppone interventi durissimi e non sempre compatibili con la coesione sociale“, avverte Boccia. “Bisogna tutelare diritto alla salute ed economia, sono convinto che questa strada ci darà ragione“.

Nel corso dell’intervista, il ministro ha ricordato che “l’Italia ha fatto il lockdown più duro e più lungo” nella scorsa primavera. Un’esperienza che ha posto le basi “per costruire la nostra convivenza con il virus, tanto che siamo uno dei Paesi non in ginocchio”. Ma “basta vedere le differenze con la Gran Bretagna – che ha fatto più lockdown nazionali ‘stop and go’ -” per capire che non era quella la strada da seguire. Lo stesso sta avvenendo in “Francia, Spagna, la stessa Germania“, conclude il ministro. Mentre in Italia tre Regioni/province autonome sono attualmente in zona rossa, 12 in zona arancione e 6 in zona gialla, il Paese guidato da Angela Merkel è alle prese con un “lockdown duro” che potrebbe durare ben oltre la data fissata del 31 gennaio. In Francia il coprifuoco è stato anticipato alle 18, mentre il Regno Unito è al suo terzo lockdown nazionale.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Vaia (Spallanzani): “Mascherina? Da usare anche dopo il vaccino. Spero che saremo tutti più liberi in estate-autunno”

next
Articolo Successivo

Covid, Pregliasco: “Ritardo di Pfizer ha già creato qualche problema, all’ospedale Galeazzi abbiamo rallentato la campagna vaccinale”

next