Sold out già dalla mattina, il ristorante Dar Bottarolo a Tor Marancia è uno dei pochissimi locali a Roma ad aver accolto i clienti nonostante i divieti, per aderire alla campagna “IoApro”. “A chi mi chiama irresponsabile vorrei chiedere cosa cambia lavorare a pranzo per poi ripetere le stesse modalità a cena?” si domanda il gestore Giancarlo Gilardini. Tuttavia, nella serata saltano le misura di sicurezza sanitaria e tra i tavoli c’è chi brinda tutti insieme “alla libertà”. “Bisogna rispettare il diritto alla libertà del cittadino” ribadisce un’avventrice. E prosegue: “Tutti parlano di pandemia, ma mi guardo in giro e morti per la strada non ne vedo”.

L’azione di protesta potrebbe far scattare sanzioni salate sia nei confronti dei gestori sia dei clienti. Un rischio che nel corso della giornata di venerdì ha drasticamente ridotto la lista dei bar e dei ristoranti aperti a cena nella Capitale. Dar Bottarolo continuerà la sua protesta rimanendo aperto anche nei prossimi giorni, quando il Lazio diventerà zona arancione. “Cercheremo di stare aperti il più possibile, fino a quando non ci chiuderanno” risponde Gilardi. “Non capisco perché siamo irresponsabili – ribadisce il ristoratore – Siamo cittadini italiani, imprenditori, lavoratori di piccole imprese e cerchiamo solo di lavorare”.

Non tutti i ristoratori hanno simpatizzato con questa forma di protesta. L’associazione IHN, Fipe, Fieper e Confesercenti hanno promosso la campagna #AbbassoeChiudo. “È un atto di responsabilità da parte degli imprenditori che hanno attività di somministrazione, vogliamo rispettare tutte le regole del dpcm” spiega Omar proprietario della Latteria Garbatella. Gli imprenditori hanno affisso sul proprio locale un volantino con le richieste dirette al governo: certezza sulla riapertura, indennizzi adeguati e affitti calmierati. “Chiediamo maggiore attenzione” commenta Roberto Stagnetta del ristorante Il focolare. E conclude: “Aiutateci”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, cinque morti in casa di riposo a Lanuvio. Intossicazione da monossido per altri sette

next
Articolo Successivo

Napoli, nessuna adesione alla campagna #IoApro. Ristoratori tengono le saracinesche giù: “Siamo in una pandemia, usiamo la testa”

next