Adriana Volpe “non molla”. La conduttrice, ora impegnata con Ogni mattina su Tv8, che dal 18 gennaio condurrà da sola, in un’intervista al Corriere della Sera è tornata a parlare dei dissapori con il collega Giancarlo Magalli. La presentatrice che ha denunciato Magalli per diffamazione dopo anni di conduzione spalla a spalla, ha sottolineato che, nonostante il processo sia ancora in corso, in lei “rimane la voglia di un senso di giustizia che mi aspetto”.

“Lavorare con Giancarlo è stato molto difficile”, spiega. Forse anche per questo, continua, “io non mollo“. “Non lo faccio per me, che ho preso un mio percorso, ma per chi arriverà dopo – sottolinea ancora – Investo tempo, energie e anche soldi per la tutela del lavoro: non è possibile che se uno alza il dito per segnalare una questione seria non solo non venga ascoltato ma addirittura zittito e messo in disparte. Che si tratti di uomini o donne, non cambia”.

Da lunedì, appunto, sarà una “donna sola al comando”. Alessio Viola infatti lascerà il programma, per poi tornare con una sua trasmissione in prima serata dalla prossima primavera. “In parallelo, la rete aveva deciso di dare una nuova impronta al nostro programma: lasciamo le notizie alle reti ammiraglie, noi ci concentriamo su quello che significano per le persone. Sono felice per me e per Alessio”, dice ancora Adriana Volpe. Il sogno di tutti, confessa, è quello di condurre in prima serata. Forse anche il suo: “Mi considero una maratoneta: ho iniziato la mia carriera di conduttrice all’alba, con Mattino in famiglia, poi sono approdata al mezzogiorno con Mezzogiorno in famiglia, adesso vado in onda per quattro ore, fino al primo pomeriggio… quatta-quatta, quando sarò più avanti con l’età, magari arriverò al preserale… sperando di non essere troppo incartapecorita”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Samuele Bersani ospite di Fiorella Mannoia: “Covid? Chi risponde che sta bene è un bugiardo, io sono depresso”

next
Articolo Successivo

Amici 20, Lorella Cuccarini torna in studio e tuona contro la Celentano: “Questo è bullismo”. Anna Pettinelli a casa con il Covid

next