“Al fine di dare piena, celere e trasparente attuazione al piano strategico dei vaccini“, verrà istituita una Piattaforma informativa nazionale per supportare le Regioni che non dovessero farcela a gestire le operazioni di prenotazione, registrazione e certificazione dei vaccini anti-Covid. Lo prevede il decreto legge approvato nella tarda serata di ieri, con cui il Consiglio dei ministri ha fissato le restrizioni che saranno in vigore fino al 5 marzo e prorogato a fine aprile lo stato di emergenza. La struttura sarà gestita dal commissario Domenico Arcuri e agevolerà anche “le attività di distribuzione sul territorio nazionale delle dosi vaccinali, dei dispositivi e degli altri materiali di supporto alla somministrazione, e il relativo tracciamento”.

In sostanza, qualora il sistema vaccinale di una Regione non fosse adeguato a gestire i dati relativi alle vaccinazioni sarà la Piattaforma nazionale – su richiesta della stessa Regione – ad eseguire in sussidiarietà le operazioni di prenotazione delle vaccinazioni, di registrazione delle somministrazioni dei vaccini e di certificazione, nonché la trasmissione dei dati al ministero della Salute. Le operazioni di predisposizione e gestione della Piattaforma sono affidate ad Arcuri che, “senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, si avvale prevalentemente del supporto di società a partecipazione pubblica che siano in grado di assicurare una presenza capillare sul territorio e che prestino tale servizio a titolo gratuito“.

Il Piano vaccini prevede infatti che le diverse fasi della vaccinazione (prenotazione, registrazione e certificazione) siano affidate alle Regioni, “in qualità di titolari del trattamento, attraverso i propri sistemi informativi vaccinali”. Il decreto obbliga però le Regioni a trasmettere al ministero della Salute tutte le informazioni relative alle somministrazioni dei vaccini “con frequenza almeno quotidiana e comunque nel rispetto delle tempistiche e delle specifiche tecniche pubblicate sul sito istituzionale dello stesso Ministero”. Una volta che l’emergenza sanitaria sarà finita, però, tutti i dati personali dei cittadini caricati sulla Piattaforma dovranno “essere cancellati o resi definitivamente anonimi ovvero restituiti alla regione o provincia autonoma titolare del trattamento”.

Nelle intenzioni di Arcuri, si tratta di un ulteriore passo verso il rafforzamento della campagna di vaccinazione, che a livello di numeri è già la più avanzata d’Europa. Il commissario, però, nel corso di un vertice che si è svolto con il governo e le Regioni, ha ribadito ai governatori di “innalzare l’efficacia della campagna di vaccinazione”, garantendo sempre la “massima somministrazione possibile delle dosi consegnate (il 70%)” e, allo stesso tempo, di mettere da parte il “30%” di stock “per le dosi di richiamo“. Il commissario ha poi evidenziato che si sta finalmente “stabilizzando il rapporto tra dosi consegnate e somministrate“. Al momento l’Italia riceve circa 470mila dosi prodotte da Pfizer-Biontech alla settimana, mentre è appena iniziata la distribuzione delle fiale di Moderna. Non tutte le Regioni, però, vanno alla stessa velocità. Il commissario ha quindi annunciato che presto le “logiche di distribuzione” del farmaco sul territorio potrebbero cambiare, seguendo appunto “l’andamento effettivo della somministrazione“. Tradotto: dosi non più consegnate solo in base alla popolazione delle Regioni, ma priorità a quelle più veloci nelle iniezioni.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, “lunghe code per le vaccinazioni? In fila anche persone che non ne avevano diritto. Ne abbiamo respinte 100-200 al giorno” – Video

next
Articolo Successivo

Nuovo Dpcm, incontro tra governo e Regioni. Dai governatori no allo stop asporto per i bar dalle 18. L’ipotesi di limitarlo solo alle bevande

next