Sono arrivati al cambio dell’ora, approfittando delle porte aperte lasciate dai professori, e si sono introdotti con zaini, tende e sacchi a pelo, all’interno dell’edificio, sistemandosi in cortile. Gli studenti del Liceo Manzoni di via Orazio, a Milano, hanno occupato l’Istituto per dire “basta” alla didattica a distanza, e per protestare contro il continuo rinvio delle riaperture.

“La polizia insieme alla preside ha ‘schedato’ i presenti e chiamato i genitori – spiegano – Ma continueremo con le proteste e con il presidio finché l’attenzione non sarà rivolta alla scuola”. La preside Milena Mammani ha incontrato con gli agenti della questura sia i ragazzi che i loro genitori, spiegando che la protesta dovrà concludersi nel pomeriggio quando la scuola chiuderà.
“Come studenti e studentesse – si legge in un post del collettivo che ha organizzato la protesta (Collettivo politico Manzoni) – è ormai da fin troppo tempo che veniamo trascurati/e, poiché in Italia la scuola non è assolutamente al primo posto tra le priorità. Chiediamo protocolli univoci e chiari che propongano soluzioni reali per migliorare la situazione in cui ci ritroviamo da quasi un anno”. Concordi con l’occupazione molti genitori, che hanno parlato di “diritto a protestare” e di studenti “stanchi dopo mesi di didattica a distanza”.

Già ieri in tutta Italia diversi studenti sono scesi in piazza chiedendo un’azione immediata e un rientro in classe immediato.

Memoriale Coronavirus

Commenti - Non perdere ogni mattina gli editoriali e i commenti delle firme Fatto Quotidiano.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Concorso presidi, il Consiglio di Stato respinge i ricorsi: confermati i 3mila vincitori del 2017. In graduatoria c’è anche Azzolina

next
Articolo Successivo

Stressati e pessimisti per il futuro: il 33% degli studenti vorrebbe un supporto psicologico. “Le lezioni online hanno eliminato la socialità”

next