Langfang è stata la terza città dell’Hebei, provincia a nord di Pechino, a entrare in lockdown, diventando la terza a essere bloccata per il focolaio di Covid-19 dopo il capoluogo Shijiazhuang e Xingtai. Negli ultimi dieci giorni sono risultate positive 560 persone, il 40 per cento delle quali sono asintomatiche. Gli abitanti di Langfang verranno quindi posti in isolamento domiciliare per sette giorni e sottoposti a test di massa.

Nelle tre città vivono oltre 22 milioni di persone, il doppio degli abitanti di Wuhan, dove a fine 2019 è stato rilevato il virus per la prima volta. Langfang dista appena mezz’ora di auto da Pechino e conta 5 milioni di persone. Veicoli e persone delle tre città non possono uscire, a meno che non sia necessario. L’Hebei ha segnato un totale di 326 casi di Covid-19 fino a oggi nell’ambito del nuovo focolaio, più 234 asintomatici.

Escludendo i casi di nuove morti sospette, i decessi in Cina per Covid-19 restano a quota 4.634, mentre sono 31 i pazienti dimessi dagli ospedali. Le infezioni importate sono salite a 4.443 (dati di ieri sera), di cui 4.152 risoltesi con la guarigione e 291 ancora in fase di cura. Sul totale di 87.591 contagi segnati dall’inizio della pandemia, 697 sono sotto trattamento e 18 in condizioni gravi. I nuovi asintomatici sono 81, di cui 10 provenienti dall’estero: in totale 565 casi sono sotto osservazione, di cui 256 importati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Twitter chiude 70mila account legati ai complottisti di QAnon. “La sospensione legata a eventi violenti a Washington”

next
Articolo Successivo

Brexit, sostituire l’Erasmus col programma ‘Alan Turing’ mi sembra una scelta ideologica

next