Un automobilista ha inseguito e incalzato un branco di quattro lupi lungo una strada di montagna, approfittando del fatto che gli animali non riuscissero a tornare nel bosco a causa della neve ammucchiata a bordo strada: “Adesso li scanno” ha detto in un passaggio del video che, negli intenti dell’uomo doveva essere una denuncia della presenza dei predatori nelle valli del Bellunese: “Sapevo che c’erano i lupi in valle – dice l’uomo in un altro passaggio del filmato -, quest’estate hanno ucciso le mucche in malga, adesso non si potrà fare finta di non saperlo”.

Il video è stato rilanciato sul canale YouTube del gruppo “100×100 animalisti“, che nella descrizione del filmato, condannano il contenuto e il suo autore: “Passo Tre Croci nei pressi di Auronzo, un automobilista senza scrupoli si diverte a terrorizzare dei poveri lupi correndogli dietro con l’auto fino allo sfinimento dei poveri animali, che per fortuna riescono a mettersi al riparo. Un’altra vergogna che non può essere ignorata!”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nevica troppo, anche il cervo resta bloccato sulle strade delle dolomiti bellunesi. L’animale spaesato non trova la via per il bosco

next
Articolo Successivo

Aosta, un lupo si aggira indisturbato per le strade della città: il video dell’incontro ravvicinato

next