L’Agenzia europea del farmaco ha dato l’ok al vaccino anti-Covid di Moderna. Si tratta del secondo vaccino che riceve il via libera da parte dell’Ema. Lo scorso 21 dicembre aveva approvato quello di Pfizer-BioNtech. L’Agenzia ha raccomandato l’autorizzazione condizionata per il commercio del vaccino prodotto dalla società americana per le persone maggiori di 18 anni. Di questo vaccino all’Italia sono state assegnate 1,3 milioni di dosi nel primo trimestre: le prime 100mila arriveranno a gennaio, 600mila a febbraio e 600mila a marzo. Altri 9,4 sono invece programmati via via nei mesi successivi. “Il vaccino Moderna è sicuro ed efficace. Come prossimo passo garantiremo l’autorizzazione alla commercializzazione nell’Ue”, è stato il primo commento della Commissione europea dopo il parere positivo dell’Ema. Dopo la luce verde dell’Agenzia, la presidente Ursula von der Leyen ha twittato: “Buone notizie per i nostri sforzi di dare più vicini contro il Covid agli europei”.

Il vaccino di Moderna è stato testato su 30.420 volontari e ha mostrato “un’efficacia del 94,1% nel prevenire la malattia da Covid-19″, come da risultati pubblicati sul The New England Journal of Medicine. Nei casi gravi, l’efficacia è arrivata fino al 100 per cento. Inoltre, ha mostrato efficacia del 90,9% nei partecipanti a rischio di Covid-19 grave, comprese le persone con malattie polmonari croniche, malattie cardiache, obesità, malattie del fegato, diabete o infezione da Hiv. “A parte le reazioni locali e sistemiche transitorie, non sono stati identificati problemi di sicurezza”, scriveva la rivista scientifica britannica. Come per il vaccino Pfizer, anche il siero di Moderna è stato sviluppato con la tecnologia dell’mRna e prevede l’iniezione di due dosi, in questo caso a distanza di 28 giorni. La sua conservazione è invece più semplice, perché il composto è stabile per 30 giorni a una temperatura compresa tra 2 e 8 gradi.

Il Comitato per i medicinali per uso umano di Ema “ha valutato accuratamente i dati su qualità, sicurezza ed efficacia del vaccino e ha raccomandato per consenso la concessione di un’autorizzazione all’immissione in commercio condizionale formale da parte della Commissione europea”. Ciò, spiega l’Agenzia, “assicurerà ai cittadini dell’Ue che il vaccino soddisfa gli standard dell’Ue e mette in atto salvaguardie, controlli e obblighi per sostenere le campagne di vaccinazione a livello” del blocco comunitario. La Commissione tecnico scientifica (Cts) dell’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) si riunirà domani, 7 gennaio, per esaminare il dossier del vaccino anti-Covid di Moderna e per l’autorizzazione all’immissione in commercio e all’utilizzo nell’ambito del Servizio sanitario nazionale. Un via libera che, ovviamente, appare scontato dopo la luce verde delle autorità europee. “La sfida è ancora dura, ma quello di oggi – ha detto il ministro della Salute, Roberto Speranza – è un altro importante passo avanti”.

“Questo vaccino ci fornisce un altro strumento per superare l’attuale emergenza”, ha affermato Emer Cooke, direttore esecutivo dell’Ema, “è una testimonianza degli sforzi e dell’impegno di tutte le parti coinvolte avere la seconda raccomandazione positiva sul vaccino a poco meno di un anno da quando la pandemia è stata dichiarata dall’Oms”. Quindi ha proseguito: “Come per tutti i medicinali, monitoreremo attentamente i dati sulla sicurezza e l’efficacia del vaccino per garantire una protezione continua dei cittadini dell’Ue. Il nostro lavoro sarà sempre guidato dalle prove scientifiche e dal nostro impegno a salvaguardare la salute dei cittadini dell’Ue”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torna in carcere con 17 ovuli di cocaina nello stomaco: uno si rompe, detenuto gravissimo

next
Articolo Successivo

Vaccini Covid, il piano di Arcuri: a fine marzo 5,9 milioni di vaccinati, oltre 20 a maggio. Boccia: “Fuori dall’emergenza entro l’estate”

next