Ha preparato una torta “tenerina”, tipica della zona di Ferrara, ma nell’impasto ha aggiunto un ingrediente segreto: marijuana light. Così lo scherzo di una 25enne che ha regalato il suo manicaretto a una sua amica è finito male: oltre alla ragazza anche il resto della famiglia ha mangiato il dolce e così si sono sentiti male in tre, a tal punto che è servito l’intervento del 118 e le cure del pronto soccorso.

La prima a sentirsi male è stata proprio la madre di 60 anni, che è stata anche ricoverata, seguita dal marito di 60 anni e dalla figlia di 30. Insieme al 118 sono intervenuti nell’abitazione a San Vito di Ostellato anche i carabinieri per accertare la dinamica dei fatti. Secondo quanto ricostruito, quando la madre dell’amica ha iniziato a sentirsi male la 25enne autrice dello “scherzo” ha chiamato il 118, confessando di aver utilizzato marijuana light nella preparazione del dolce. La donna è stata ricoverata, mentre il marito e la figlia sono andati in pronto soccorso per ulteriori accertamenti. Tutti e tre stanno bene e sono stati mandati a casa dopo poche ore. L’unica a non aver accusato sintomi è stata la “cuoca”.

I carabinieri hanno perquisito l’abitazione della 25enne e hanno sequestrato altri 5 grammi di marijuana light regolarmente acquistata. Ora la sostanza sequestrata verrà analizzata per verificare che i livelli di stupefacente siano sotto la soglia di legalità. La giovane potrebbe dover rispondere di spaccio di stupefacenti, a cui potrebbero anche aggiungersi le querele delle persone da lei intossicate.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’ex negazionista pentito dopo il ricovero per Covid: “Ero cieco, pensavo che l’emergenza fosse retorica al potere. Invece è tutto vero”

next
Articolo Successivo

Papa Francesco affronta il 2021 da una posizione rafforzata. Vi spiego il perché

next