Il 2020 è stato un anno difficile sotto molti punti di vista, incluso quello ambientale. L’anno si è aperto con gli incendi che hanno devastato l’Australia e ucciso almeno tre miliardi di animali. La pandemia di coronavirus ancora in corso ha avuto un impatto pesantissimo sulla nostra economia e sulla nostra salute mentale. In estate è stato il turno degli incendi negli Stati Uniti. Lo stesso è accaduto in Siberia e in Brasile, e quello del 2020 è stato il novembre più caldo di sempre.

A fine ottobre, il Parlamento Europeo è stato chiamato a votare per la riforma della Politica Agricola Comune, deludendo le aspettative di chi contava di vedere finalmente realizzata una riconversione ecologica dell’agricoltura europea. Lo stesso Parlamento che ha deciso di accogliere l’emendamento che chiedeva di vietare l’uso di denominazioni considerate proprie dei prodotti lattiero-caseari, come ad esempio la parola “cremoso”, nelle comunicazioni commerciali destinate agli alimenti di origine vegetale.

Allo stesso tempo però quest’anno ha segnato un importante momento storico per tutto il settore vegan: nonostante l’incertezza causata dalla pandemia, la domanda dei consumatori, l’interesse degli investitori e le attività per lo sviluppo di nuovi prodotti a base vegetale hanno registrato una crescita eccezionale. Mentre l’industria della carne si confrontava con una crisi profonda dovuta ai contagi in molte strutture e alle chiusure di macelli e allevamenti, il settore plant-based ha stretto accordi, ricevuto investimenti, lanciato nuovi prodotti e aperto nuovi impianti.

Veganuary torna con la sua seconda edizione

Secondo il rapporto Eurispes del 2020, in Italia i vegani e i vegetariani sono l’8,9% della popolazione, un numero in continua crescita nonostante i pregiudizi e i falsi miti attorno a questo tipo di alimentazione. Assieme a questi numeri, cresce anche quello di chi vuole provare un’alimentazione a base vegetale per un mese grazie a Veganuary, l’iniziativa veg più grande al mondo. Veganuary, nome nato dalla fusione di “Vegan” e “January”, è nata nel 2014 in Regno Unito e da allora ha coinvolto più di un milione di persone in 192 Paesi.

A gennaio 2021, così come nel 2020, Essere Animali sarà partner ufficiale dell’iniziativa in Italia. Chi si iscrive dal sito www.veganuary.it riceve quotidianamente un’e-mail di supporto con consigli pratici su come fare la spesa, sostituire prodotti animali oppure ricette e informazioni nutrizionali. I partecipanti potranno avvalersi dei suggerimenti della dottoressa Silvia Goggi, medico nutrizionista esperta in alimentazione vegetale, che sarà a disposizione durante gli eventi online organizzati da Essere Animali.

A livello globale, gli sponsor ufficiali di Veganuary includeranno VioLife, Beyond Meat e Cauldron. L’edizione italiana vedrà invece il coinvolgimento di brand e ristoranti come Lush, Capatoast, America Graffiti, Alpro, Verys, Mozzarisella, Food Evolution, Vitariz, Primavena, Aveda e Pangea Foods. I brand parteciperanno con creazioni social, coinvolgendo gli influencers oppure con l’attivazione di offerte: Capatoast e America Graffiti, ad esempio, proporranno in offerta i loro menu vegani per l’intero mese di gennaio.

Molti vip hanno poi deciso di diventare ambasciatori ufficiali dell’iniziativa: l’attore Joaquin Phoenix, l’ex dei Beatles Paul McCartney, l’attore e comico Ricky Gervais, la top model Lily Cole, le attrici Evanna Lynch e Alicia Silverstone, solo per citarne alcuni.

Nel 2019 l’Italia si è posizionata al terzo posto in Europa come numero di partecipanti, dietro a Regno Unito e Germania, e Milano al sesto posto come città con più iscritti al mondo. I dati degli scorsi anni suggeriscono che la maggior parte dei partecipanti a Veganuary, finito il mese di gennaio, continua con questa alimentazione. Le alternative vegane infatti non mancano e sono sempre più diffuse.

Allora, perché non provare? Hai voglia di mangiare più vegetale, ma non sai da dove iniziare? Iscriviti anche tu a Veganuary e unisciti alle migliaia di persone in tutta Italia che hanno scelto di provare 31 giorni di ricette deliziose, consigli utili e menu settimanali facilissimi.

Fatto for future - Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’agenda ambientale 2021 dopo i provvedimenti “sospesi” per la pandemia: plastic tax e guerra al monouso, limiti alle emissioni

next
Articolo Successivo

Oggi Greta compie diciotto anni. Ecco come una ‘ragazzina’ ha cambiato il mondo

next