La foto risale a quasi un anno fa, il 31 gennaio 2020, giorno del recesso ufficiale della Gran Bretagna dalla Ue. Due veterani della Seconda guerra mondiale proiettarono sulle scogliere di Dover l’immagine della “stella” europea – quella che fino ad allora campeggiava sulla bandiera dell’Unione – con la scritta: “Questa è la nostra stella. Abbiatene cura per noi”. Il 31 dicembre, a poche ore dall’addio definitivo al mercato unico, tanti sostenitori del “Remain” l’hanno ripostata su Twitter accompagnandola a messaggi come “un giorno saremo di nuovo parte dell’Europa” e hashtag che andavano da #IamEuropean a #Rejoin (“tornare ad aderire”) a #Ledbydonkeys, ovvero “governati da asini”.

Quasi 160mila persone intanto si sono iscritte alla campagna “Stay European”, che chiede alla Ue di mettere a punto uno scherma di “cittadinanza associata” grazie al quale i contrari alla Brexit potrebbero non perdere il loro status di europei.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, la Gran Bretagna è fuori dal mercato unico europeo. Cosa cambia per commercio, viaggi, lavoro, studio e tariffe dei cellulari

next
Articolo Successivo

Vaccino anti Covid, Israele ha il primato mondiale di immunizzati: oltre 1 milione in 20 giorni, più di un decimo della popolazione

next