Il lancio di programmi di vaccinazione negli Stati Uniti, nel Regno Unito e nell’Unione europea negli ultimi giorni segna i primi passi verso la fine della pandemia globale da Covid-19. Molti paesi hanno anche avviato programmi alternativi basati su un vaccino proprio, come Russia e Cina.

Nei prossimi mesi presumibilmente vedremo l’allentamento delle restrizioni concomitanti con l’aumento dei tassi di vaccinazione.

Vista la situazione c’è un’aspettativa di ripresa economica con la riapertura dei paesi. Tuttavia, in molti Stati l’impatto positivo potrebbe essere limitato. È probabile che il processo di vaccinazione sia impegnativo e complesso, soprattutto dove si dovrà faticare per raggiungere i tassi di vaccinazione target in linea con i paesi più grandi e più organizzati. Ciò porterà probabilmente ad uno svantaggio economico comparativo e aprirà la porta ad un mercato nero per il vaccino, sfruttato dai gruppi criminali, poiché alcuni governi non hanno le infrastrutture necessarie per distribuire in modo efficiente il vaccino.

Questo nuovo contesto ridisegnerà le relazioni e le alleanze internazionali basate sulla capacità dei paesi di ottenere una quantità sufficiente di vaccino, in particolare tra coloro che sono già economicamente e politicamente dipendenti dai loro alleati o da aiuti esteri. I ritardi logistici e di produzione ostacoleranno molti paesi e ciò potrebbe determinare crisi sulla sicurezza e potenziali proteste dovute all’opposizione rispetto alla vaccinazione obbligatoria.

Vi sono anche una serie di rischi politici che devono essere attentamente monitorati nel prossimo anno. La crisi del Covid-19 ha generato tutti i tipi di rischi politici inclusi stabilità, legge e ordine, rischi di integrità e governance, e le aziende devono aspettarsi che questi rischi si intensifichino ulteriormente con la ripresa della pandemia. I governi dovrebbero agire tenendo presenti gli interessi nazionali a breve termine.

Anche la solidarietà internazionale è in difficoltà, poiché gli interessi nazionali hanno avuto la priorità. In quanto tali, è probabile che i programmi di vaccinazione avranno lo stesso approccio nazionalistico. I governi hanno mostrato un modesto sostegno all’iniziativa multilaterale Covax per sostenere la vaccinazione nei paesi a basso reddito. Cina e Stati Uniti hanno deciso di non finanziare l’iniziativa a favore della negoziazione di accordi bilaterali sui vaccini con i paesi in via di sviluppo. Di conseguenza, possiamo aspettarci che il nazionalismo modellerà anche gli investimenti e la politica commerciale almeno a breve termine e le imprese dovrebbero aspettarsi un attento esame nei prossimi mesi.

I rischi e le sfide della stabilità interna sono elevati in queste situazioni, poiché i paesi adottano un approccio assistenziale nei confronti dei propri cittadini per affrontare e contenere le precarie condizioni economiche che la pandemia ha generato. Ciò non sarà limitato ai paesi privi di risorse naturali ma anche i paesi con grandi riserve di petrolio soffriranno per i bassi prezzi del petrolio.

Proteste, rivolte e scioperi sono stati limitati durante la pandemia, ma dovremmo aspettarci che la situazione cambi nel 2021. Ciò potrebbe portare a disordini politici collegati direttamente o indirettamente al Covid-19. Il processo di recupero sarà lungo e difficile. I paesi potrebbero affrontare seri rischi se non riescono a garantire i vaccini ai propri cittadini indipendentemente dal fatto che la ragione sia finanziaria, diplomatica o addirittura strategica.

È probabile che i rischi economici e politici generati dalla crisi si faranno sentire maggiormente durante la fase di vaccinazione in alcuni paesi poiché la ripresa potrebbe intensificare le tensioni sociali. Ciò richiederà un’attenta gestione da parte di aziende e governi. Pertanto, è importante iniziare a pensare a come gestire la vaccinazione con attenzione e indipendentemente dal supporto.

Ciò richiederà un approccio più efficiente per affrontare i problemi e deve includere una strategia di comunicazione e di costruzione della fiducia in grado di influenzare l’opinione pubblica per aumentare la consapevolezza, creare un senso di ragionevolezza e contenere la frustrazione politica ed economica, con tutto ciò che ne potrebbe derivare in termini di sicurezza.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino anti-Covid, accordo bilaterale tra la Germania e Biontech per l’acquisto di 30 milioni di dosi fuori dagli accordi europei

next
Articolo Successivo

Nuova lettera di Patrick Zaki dal carcere: “Sono qui perché difendo i diritti umani”. E invia gli auguri ai colleghi di Bologna

next