Condannato per aver abusato di una giovane di 15 anni nel cimitero di Buccinasco, dove lei andava molto spesso a trovare la madre, morta nel 2019. Ieri, giovedì, nell’udienza con rito abbreviato è stato giudicato colpevole di violenza sessuale un 63enne, il custode del cimitero, che ha diversi precedenti anche per mafia. Il Corriere della Sera riporta che il 63enne ha provato a difendersi dicendo: “Un uomo d’onore non avrebbe mai potuto fare una cosa del genere”.

La 15enne andava spesso a pregare sulla tomba della madre. Per questo era ormai un volto noto per il custode del cimitero di Buccinasco che, stando a quanto ricostruito dalle indagini, ha approfittato della situazione per dedicare particolari “attenzioni” alla vittima. Fino ai palpeggiamenti che la ragazza ha avuto il coraggio di denunciare prima ai servizi sociali e poi alla polizia. Da lì è partita l’inchiesta della pm Ilaria Perinu che ha portato a fine ottobre all’arresto del 63enne. Ieri la condanna in rito abbreviato (quindi con sconto di un terzo della pena) a quattro anni e due mesi di carcere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Firenze, cadaveri nelle valigie: indagini sul figlio della coppia e quei “40-50mila euro scomparsi”. L’uomo è detenuto in Svizzera

next
Articolo Successivo

Anziana sbranata dai cinque cani della figlia. Indagini di carabinieri e polizia municipale

next