Il governo ha posto il voto di fiducia sul decreto sicurezza all’esame del Senato ma è scoppiata la bagarre. Molti senatori si sono avvicinati vicino agli scranni del governo e l’Aula è stata sospesa. Subito dopo la relazione di minoranza e quindi all’avvio della discussione, il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Federico D’Incà ha preso la parola annunciando la richiesta del voto di fiducia. A quel punto Ignazio La Russa, che presiede l’aula, l’ha interrotto probabilmente perché il ministro non aveva chiesto di parlare e ha deciso di sospendere l’assemblea. Diversi parlamentari del Carroccio si sono poi riversati sui banchi del Governo. Dopo la bagarre la presidente del Senato Elisabetta Casellati ha convocato la conferenza dei capigruppo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Dl Sicurezza, D’Incà chiede la fiducia e scoppia la bagarre in Senato. Pd: “Atti di squadrismo dalla Lega”. Replica: “Sfregio a democrazia”

next