“C’eravamo, ci siamo e ci saremo sempre”. Lo cantano le centinaia di No Tav che questo pomeriggio hanno marciato per i boschi della Valsusa contro l’allargamento del cantiere, per provare ad avvicinarsi all’area dei lavori. Dopo aver aggirato il blocco della polizia passando dai sentieri, è iniziato un fitto lancio di lacrimogeni in risposta alle pietre e alle bombe carta gettate dai manifestanti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milano, città presa d’assalto nel primo giorno in zona gialla: assembramenti in centro, code ai negozi e nei bar

next
Articolo Successivo

Vaccino Covid, viaggio nell’hub nazionale di Pratica di Mare: “Ecco gli hangar dove saranno stoccate le fiale, in massima sicurezza”

next