Pianoforte e una voce commossa. Nino D’Angelo reinterpreta il coro da stadio dedicato al campione scomparso, “Ho visto Maradona”, come se fosse un canto funebre, poi lascia la sua dedica sui social. “Ho visto Maradona. Ho visto Maradona. Eravamo in un campo di calcio per registrare lo spot per il film Tifosi, quando a un certo punto Diego mi ha preso per mano come se fossi un bambino, mi ha portato al centro del campo e mi ha detto: ”Guarda cosa faccio”. Era ad una ventina di metri dalla porta vuota e quando stava per tirare io subito: “Diego pure io riesco a segnare da questa distanza visto che non c’è il portiere”, e lui: “Ma io non voglio segnare, io voglio prendere la traversa” e così è stato per tre volte consecutive. Applausi a non finire. Era sempre lui, il genio, il Dio del calcio, il più grande giocatore di tutti i tempi, di tutti i pianeti”, scrive il cantante partenopeo per accompagnare il video.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ti ricordi… Il gol di testa segnato da Maradona al Milan 32 anni fa. E un bambino scrisse: “In fin dei conti i miracoli li ha fatti”

next
Articolo Successivo

Maradona, Antonio Cabrini: “Se Diego avesse giocato alla Juventus avrebbe vinto di più e sarebbe ancora vivo”. Poi le scuse

next