Era il 2017 quando Diego Armando Maradona, morto il 25 novembre per un arresto cardiorespiratorio mentre era nella sua casa di Tigre, vicino Buenos Aires, ricevette la cittadinanza onoraria di Napoli. A consegnagliela il sindaco, Luigi De Magistris. A seguire per lui un bagno di folla in Piazza del Plebiscito: 10mila tifosi partenopei lo accolsero intonando cori e dimostrandogli tutto il loro affetto. Dal palco il Pibe de oro parlò anche dei fatti di Piazza San Carlo, successi il 3 giugno 2017.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

È morto Maradona – Napoli e Diego, storia di un amore e dell’uomo che trasformò la città da periferia a centro del calcio mondiale

next
Articolo Successivo

Maradona, noi napoletani abbiamo perso un fratello maggiore

next