“Sono orgoglioso di te, che hai battuto il mio record. Vorrei che avessi anche una squadra che mi superi, così potremmo vincere un altro scudetto per la gente di Napoli”. Così con un videomessaggio, Diego Armando Maradona, morto il 25 novembre a 60 anni, nel giugno del 2020 incoronava Dries Mertens “miglior marcatore” della storia del Napoli, con il record di 122 reti con la maglia azzurra. Con in mano la maglia 10 di Mertens, il Pibe de Oro si complimentava con l’attaccante belga, auspicando anche la vincita di un nuovo scudetto, dopo i due conquistati quando lui era ancora giocatore. Pronta la replica di Mertens sempre via social: “Grazie per le tue parole, forza Napoli sempre!”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La vita di Maradona in 10 scatti: Napoli, il trionfo mondiale, l’abbraccio a Bergoglio, Fidel Castro, Chavez e il “gol del secolo” all’Inghilterra

next
Articolo Successivo

Maradona, tutti sapevano che era un ‘irregolare’. Ma l’amore di Napoli è stato incondizionato

next