Aveva definito Roberto Baggio un “cacciatore ignorante” per la sua partecipazione a una fiera a Vicenza. Dopo 4 anni, lunedì 23 novembre, Paolo Mocavero, presidente dell’associazione padovana “Cento per cento animalisti“, è stato condannato in primo grado per diffamazione a una pena di otto mesi e 5mila euro di risarcimento, oltre alle spese legali.

La querela per diffamazione dell’ex calciatore parte da un’affermazione scritta da Mocavero sul blog dell’associazione e diretta a Baggio: “Che coraggio ha di definirsi buddista (probabilmente dato il suo livello culturale non capisce il significato delle parole) ed esercita la caccia andando anche all’estero nei suoi famigerati viaggi della morte”. Come è noto, il “divin codino” è un appassionato di caccia e si è recato più volte in Argentina per partecipare a battute.

Dopo una delle prime udienze in tribunale, Mocavero, mentre partecipava alla trasmissione radio ‘La Zanzara’, ha ribadito le sue affermazioni: “Sottoscrivo quello che avevo detto, Baggio mi ha querelato? Si metta in fila”. Per la parte civile è stata la prova che l’imputato non ha capito il suo errore e lo ha reiterato. Per questo aveva chiesto il massimo della pena e 50 mila euro di risarcimento. La giudice Laura Fassina ha ridimensionato la richiesta a 5 mila euro. L’animalista ha commentato sul suo sito: “Sono comunque fiducioso e farò ricorso in appello. La partita con il cacciatore Baggio, quindi non è ancora terminata, al momento si è aggiudicato l’andata”, ha concluso Mocavero.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Scommesse clandestine tra Napoli e Palermo”: 15 arresti e 6 agenzie sequestrate

next
Articolo Successivo

Coronavirus, l’analisi della situazione in Italia con Locatelli e Rezza: segui la diretta tv

next