“Abbiamo frenato la circolazione del virus”. Esordisce così Emmanuel Macron nel suo discorso televisivo alla Nazione, il primo dopo il ritorno della Francia in lockdown totale. Il capo dell’Eliseo ringrazia “il civismo” dei cittadini e annuncia che “il picco della seconda ondata è passato”. Poi ufficializza un allentamento delle misure in tre tappe che scatterà a partire da sabato, quando in tutto il Paese riapriranno i negozi. Il 15 dicembre sarà messo fine al confinamento ma vi sarà un coprifuoco dalle 21 alle sette del mattino, con l’eccezione del 24 e il 31 dicembre per permettere di passare le feste in famiglia. Una terza tappa di alleggerimento delle misure anti covid, con la riapertura dei ristoranti e la ripresa delle lezioni in presenza per i licei, potrà scattare il 20 gennaio se i dati dell’epidemia lo permetteranno.

Sull’apertura delle stazioni sciistiche invece “è in corso una concertazione con il governo” e anche “con i Paesi vicini” ma “mi sembra impensabile immaginare un’apertura per le feste”, spiega il presidente. “Sarà meglio orientarsi per una riapertura nel corso del mese di gennaio”. L’altro annuncio importante riguarda la vaccinazione contro il Covid-19: “Potrebbe cominciare in Francia tra fine dicembre e inizio gennaio” e “non sarà obbligatoria”, precisa Macron.

La prima tappa della nuova tornata di riaperture partirà il 28 novembre, con l’apertura dei negozi, la possibilità di passeggiate nel raggio di 20 chilometri da casa per tre e attività extrascolastiche all’aperto. Riapriranno anche i luoghi di culto, con un massimo di 30 persone. In questa fase potranno riaprire anche cinema, teatri e musei. La terza tappa, se i dati della pandemia lo permetteranno, potrà scattare il 20 gennaio, con la riapertura di bar, ristoranti e palestre. A questa data riprenderanno anche le lezioni in presenza al liceo, mentre per l’università bisognerà aspettare altri 15 giorni. Macron ha spiegato che ogni due settimane verranno riesaminati i dati dell’epidemia per decidere possibili nuovi aperture o se è necessaria una stretta.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Francia, scontri a Bordeaux nella manifestazione contro la nuova legge sulla sicurezza: cassonetti a fuoco e tafferugli con la polizia

next