Un concorrente di “Wipeout – Pronti a Tutto” è morto a causa di un arresto cardiaco avuto al termine di una delle gare del programma televisivo ed è morto poco dopo. La tragedia è avvenuta durante le registrazioni della prossima stagione del game show americano trasmesso anche in Italia e condotto da Nicole Byer, Camille Kostek e il sedici volte WWE World Champion John Cena. Come riporta il sito Tmz, l’uomo era uno dei ventiquattro partecipanti che in ogni puntata sono chiamati a sfidarsi nel superamento di diverse prove e si è sentito male dopo aver completato la caratteristica corsa ad ostacoli.

L’incidente è avvenuto mercoledì: il concorrente ha avuto il malore e si è accasciato. Subito sono intervenuti i paramedici della produzione del programma, che l’hanno trasportato d’urgenza in ospedale con l’ambulanza ma per l’uomo non c’è stato nulla da fare, è morto poco dopo. “Siamo infinitamente dispiaciuti per la morte di questo concorrente. Le nostre condoglianze e la nostra piena solidarietà alla famiglia“, ha dichiarato lo staff di TBS, la rete americana dove nel 2021 andranno in onda proprio le nuove puntate che si stanno registrando in questi giorni. “Le nostre più sentite condoglianze ai familiari di questa persona. I nostri pensieri vanno a loro”, ha aggiunto la casa di produzione Endemol Shine North America. Non è chiaro se le scene già registrate con la vittima saranno poi tagliate.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Esce con un uomo conosciuto su un’app di incontri, poi lo uccide e mangia il suo cadavere: arrestato professore 41enne

next
Articolo Successivo

Bevono igienizzante per le mani perché alla festa è finito l’alcol: 7 morti, altri due in coma

next