Stava facendo un bagno nelle acque di Cable Beach, lungo la costa nord-occidentale dell’Australia, quando all’improvviso è stato attaccato da uno squalo. Inutili i soccorsi: l’uomo è stato tirato fuori dall’acqua ancora vivo ma è morto poco dopo per le ferite riportate, sulla spiaggia affollata di turisti. Si tratta dell’ottavo attacco fatale di squalo nelle acque australiane quest’anno, per un totale di 22 aggressioni, stando ai dati dell’agenzia governativa della Taronga Conservation Society. Raramente era successo prima a Cable Beach, un tratto di 22 chilometri (13 miglia) di sabbia bianca incontaminata vicino alla città di Broome, località molto frequentata dai turisti.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bevono igienizzante per le mani perché alla festa è finito l’alcol: 7 morti, altri due in coma

next
Articolo Successivo

Cagnolina incinta si butta tra le fiamme e salva quattro anziani intrappolati

next