Scommesse illecite su corse clandestine di cavalli, spaccio di droga e sostanze dopanti iniettate negli animali. Tutto in mano alla famiglia mafiosa dei Galli di Messina. Nel corso della notte, i carabinieri del comando provinciale di Messina hanno eseguito 33 ordinanze di misure cautelari, emesse dal gip su richiesta della Procura distrettuale antimafia. Le 33 persone sono ritenuti a vario titolo responsabili dei reati di associazione di tipo mafioso, scommesse clandestine su competizioni sportive non autorizzate, maltrattamento di animali, trasferimento fraudolento di valori, estorsione, associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, spaccio di sostanze stupefacenti.

L’operazione ha consentito di individuare la rete di spaccio e distribuzione delle sostanze stupefacenti, che era estesa in vari quartieri della città dello Stretto. L’indagine ha documentato il controllo che il gruppo mafioso esercitava sul proficuo business delle scommesse illecite sulle corse clandestine di cavalli. Le gare venivano organizzata a tarda notte su strade urbane ed extraurbane, illecitamente chiuse al traffico da gruppi di giovani a bordo di scooter e motorini, appositamente reclutati per vigilare e consentire il passaggio indisturbato dei calesse trainati dai cavalli in gara.

Il gruppo mafioso messinese aveva rapporti con il clan Santapaola di Catania per regolare le controversie sulle gare clandestine tra scuderie messinesi e catanesi, che venivano svolte nei territori di confine tra le due province. Tra gli indagati, anche un veterinario compiacente che si prestava a somministrare farmaci agli animali per incrementarne le prestazioni. Sono in corso anche sequestri patrimoniali di beni riconducibili al gruppo criminale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’attentato per uccidere Nino Di Matteo, c’è un nuovo pentito che riapre il caso: “Messina Denaro inviò un messaggio ai boss di Palermo”

next
Articolo Successivo

Camorra in Veneto, 24 condanne: 3 anni e 3 mesi all’ex sindaco di Eraclea Teso per concorso esterno in associazione mafiosa

next