“Questo virus è un dittatore cruento”. Bruno Vespa paragona il Covid a Mussolini e sui social scoppia la polemica. Il conduttore di Porta a Porta è stato ospite di Nicola Porro nell’ultima puntata di Quarta Repubblica: il tema della serata era -ovviamente- la seconda ondata di coronavirus, l’ultimo Dpcm e le zone rosse; e Vespa ha colto l’occasione per fare un paragone azzardato tra gli effetti del lockdown sulla città di Roma e il fascismo, a cui ha dedicato il suo ultimo libro.

“Sono andato a Piazza Venezia alla fine del lockdown ed era deserta e ho ripensato a quando c’era il Duce e la piazza era gremita, quindi anche il virus è un dittatore, uno la riempie la piazza e l’altro la svuota”, ha detto Bruno Vespa, spiazzando Porro e i telespettatori. Neanche a dirlo, subito sui social è scoppiata la polemica per le sue parole.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlo Conti dimesso dall’ospedale. L’annuncio su Instagram: “Verso casa, home sweet home”

next
Articolo Successivo

Grande Fratello Vip, la legge (di Alfonso Signorini?) non è uguale per tutti. “Beh, va be’, adoro?” No

next