“Questo virus è un dittatore cruento”. Bruno Vespa paragona il Covid a Mussolini e sui social scoppia la polemica. Il conduttore di Porta a Porta è stato ospite di Nicola Porro nell’ultima puntata di Quarta Repubblica: il tema della serata era -ovviamente- la seconda ondata di coronavirus, l’ultimo Dpcm e le zone rosse; e Vespa ha colto l’occasione per fare un paragone azzardato tra gli effetti del lockdown sulla città di Roma e il fascismo, a cui ha dedicato il suo ultimo libro.

“Sono andato a Piazza Venezia alla fine del lockdown ed era deserta e ho ripensato a quando c’era il Duce e la piazza era gremita, quindi anche il virus è un dittatore, uno la riempie la piazza e l’altro la svuota”, ha detto Bruno Vespa, spiazzando Porro e i telespettatori. Neanche a dirlo, subito sui social è scoppiata la polemica per le sue parole.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Carlo Conti dimesso dall’ospedale. L’annuncio su Instagram: “Verso casa, home sweet home”

next
Articolo Successivo

Grande Fratello Vip, la legge (di Alfonso Signorini?) non è uguale per tutti. “Beh, va be’, adoro?” No

next