Le Iene fanno sesso. Anche il programma di Italia1 ha provato l’ebbrezza di visitare il celebre Wellcum. Ossia il bordello austriaco scovato e raccontato a La Zanzara di Cruciani dal suo gestore, l’italiano Cristiano Fabris. Il servizio è stato elogiato da Dagospia come esempio di televisione “senza freni e senza mutande di quelli che non si vedono più nella tv italiana”. Il video potete vederlo voi stessi sul sito web de Le Iene. Nulla di trascendentale per intenderci. L’inviato Alessandro Di Sarno entra tutto ilare e giocoso per vedere cosa c’è oltre la porta d’entrata del Wellcum e scopre che dopo un attrezzato e sicuro spogliatoio c’è un’enorme sala dove i clienti in accappatoio e ciabatte incontrano un centinaio di ragazze nude con mascherine alla Eyes wide shut. La sala è una grande discoteca con bar e divanetti. Vicino c’è anche un ristorante e una spa. Poi quando uno dei clienti vuol fare sesso si accorda con una ragazza e sale nelle camere private.

Insomma, nulla di trascendentale. Giusto qualche nudità in più rispetto ai bordelli classici da iconografia da legge Merlin. Clienti e ragazze sono tutti con mascherina anti-Covid nello spazio comune, poi in camera se la tolgono (in Austria è consentito) e la camera dopo che è stata usata viene sanificata e torna disponibile e linda dopo 30 minuti. Di Sarno si piazza lì in mezzo,fa un po’ di teatrino, si fa sculacciare e schiaffeggiare (pianissimo) tutto vestito da Iena, poi ascolta le storie di qualche ragazza e di diversi clienti, tra cui si segnala tal “Anaconda”, un omino calvo e appassionato che a detta di tutti dentro a Wellcum potrebbe insidiare le dimensioni di Rocco Siffredi. Infine il tariffario, altamente concorrenziale: 70 euro per sesso vaginale e orale al massimo per 30 minuti. Se serve più tempo si va al raddoppio della tariffa base. Se si chiede sesso anale si passa a 100 euro. Statistiche? L’80% dei clienti sono italiani e spesso rimangono lì per un weekend intero. Ci sono anche molti casi di clienti che scelgono una permanenza anche di un mese per le vacanze.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stefano Bettarini, la fidanzata Nicoletta Larini: “È molto credente e prima di andare a letto fa la preghiera. Non bestemmia”

next
Articolo Successivo

Max Pezzali si racconta a Sky Tg24: “Quando portai una cassetta a Cecchetto cambiò la mia vita. Se non cantassi? Oggi sarei un trucker”

next