È stato riaperto il presidio medico avanzato alla Fiera a Bergamo. Nella giornata di lunedì 2 novembre sono stati accolti i primi quattro pazienti. A distanza di sette mesi dalla prima ondata, si è resa necessaria la riattivazione del presidio sanitario aggiuntivo, per far fronte al possibile arrivo di numerosi positivi in questa nuova fase dell’epidemia. La struttura era stata realizzata grazie alle imprese e agli artigiani che hanno risposto alla chiamata di Confartigianato Bergamo e alla disponibilità dell’Associazione nazionale Alpini che, come già accaduto nei mesi di marzo e aprile, si erano resi disponibili per fornire tutto l’aiuto necessario. Sarà gestita dall’ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire, se vuole continuare ad avere un'informazione di qualità. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, tende fuori dagli ospedali per i sospetti Covid: “Fino a otto ambulanze di fila nei pronto soccorso, necessario alleggerire il carico”

next
Articolo Successivo

Alto Adige, deciso semi-lockdown: chiusi bar, ristoranti e negozi, coprifuoco dalle 20 alle 5

next