Bello, intenso, riflessivo, a tratti divertente e ironico (“Basta con i cantanti già siamo in tanti. Un mare di cantanti ormai dalla melodia così distanti”, canta nella traccia 11). È il secondo lavoro della trilogia lanciata da Renato Zero un mese fa, e in attesa della prossima uscita prevista per fine novembre. Complessivamente quattordici tracce, anche questa volta tutte inedite, che sbalordiscono gli stessi componenti del suo entourage: in un periodo di buio oggettivo e generale, con gli artisti che lamentano un ingrigimento emotivo e, di conseguenza espressivo, Zero ha lavorato come non mai.

“Per cercare di muovere questa aria ferma, questo stato comatoso che non dipende da noi; volevo rispolverare il coraggio di un’operazione in una fase totalmente negativa per una pubblicazione del genere”. E con tali risultati. “Non voglio risultare superbo e non lo sarò perché ormai ho passato il valico; però l’obiettivo di questo lavoro è di consegnare una memoria storica di quello che sono stato e di quello che sono oggi”. E per la memoria storica ha coinvolto tutti i suoi storici musicisti, e poi i Neri per caso, Fabrizio Bosso, l’orchestra diretta da Adriano Pennino, “e io ero sempre lì. Ogni tanto volevo lasciarli soli, ma è più forte di me. Devo esserci”.

E poi Elton John (“il film su di lui non mi ha convinto, si è parlato poco dell’artista); gli esordienti, il virus, la solitudine (“sentirmi solo? Non me lo posso permettere”). Tutto nell’intervista video pubblicata sul sito, e sul cartaceo domani in edicola.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Gaia Gozzi canta per FQMagazine l’ultimo singolo “Coco Chanel”

next