Massimo Ferrero, il presidente della Sampdoria, è stato prosciolto dalle accuse di appropriazione indebita, autoriciclaggio e utilizzo di fatture false. Il giudice per l’udienza preliminare di Roma, Alessandro Arturi, che non ha accolto la richiesta della Procura di Roma di rinvio a giudizio.

Per l’accusa Ferrero aveva sottratto un milione e 159mila euro dalle casse della squadra, dirottando il denaro sui conti di una sua società privata parte della somma percepita dalla vendita del calciatore Pedro Obiang, finito al club inglese West Ham nel 2015. Oltre a Ferrero, sono stati prosciolti con la formula “perché il fatto non sussiste” gli altri imputati che – a differenza del presidente della Sampdoria – hanno scelto il rito abbreviato: la figlia dell’imprenditore, Vanessa, il manager Andrea Diamanti, Marco Valerio Guercini e il nipote di Ferrero, Giorgio.

“Non ho accettato il rito abbreviato perché non volevo sconti, non avendo fatto niente. Ho sempre creduto nella giustizia e la giustizia ha vinto – ha detto Massimo Ferrero, commentando il suo proscioglimento – Ho trovato un giudice coraggioso, molto capace e onesto che mi ha prosciolto. Ringrazio la giustizia perché ci ho sempre creduto”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cristiano Ronaldo negativo al tampone dopo 19 giorni: l’annuncio della Juventus

next
Articolo Successivo

Gli arbitri tedeschi hanno aperto un profilo social: così spiegano le decisioni che vengono prese durante le partite

next