“Abbiamo in animo di aumentare ad almeno 20mila la capacità quotidiana di tamponi e da lunedì si inizieranno a fare anche i tamponi antigenici per arrivare presto a 100mila antigenici che si aggiungeranno ai 200mila molecolari al giorno, quindi sarà possibile uno screening di 300mila italiani. A marzo facevamo 2 mila tamponi al giorno, 12 volte di meno”. Lo ha spiegato il commissario Domenico Arcuri, nel corso di una conferenza stampa. “Medici di base e pediatri di libera scelta dovranno aiutarci ancora di più di quanto hanno fatto finora – ha aggiunto -. Dobbiamo chiedergli di curare il più possibile a casa, dotandoli dei dispositivi di sicurezza adeguati. Dobbiamo a tutti i costi alleggerire la pressione sugli ospedali

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Veneto, appalto da 148 milioni per i tamponi rapidi: fornitura anche per altre sei Regioni

next
Articolo Successivo

Coronavirus, Arcuri: “Se curva non si raffredda nessun sistema può reggere. Muoviamoci tutti il meno possibile”

next