Domenico Arcuri, il commissario all’emergenza per la pandemia da coronavirus, è arrivato in conferenza stampa preparato. In una lunga risposta, con tanto di slide e dati al dettagli, Arcuri ha voluto mettere un punto alla polemica sulla riorganizzazione degli ospedali e sul loro rafforzamento in vista di una seconda ondata, difendendosi dall’accusa mossa dalle regioni. Secondo il commissario, tutte le regioni potevano “cominciare i piani a maggio”, e poi, “sarebbero state rimborsate”. Ecco, punto per punto, la sua spiegazione.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Arcuri: “Le Regioni potevano cominciare ad allestire ospedali a maggio e le avremmo rimborsate, lo prevede il decreto”

next
Articolo Successivo

Veneto, appalto da 148 milioni per i tamponi rapidi: fornitura anche per altre sei Regioni

next