Domenico Arcuri, il commissario all’emergenza per la pandemia da coronavirus, è arrivato in conferenza stampa preparato. In una lunga risposta, con tanto di slide e dati al dettagli, Arcuri ha voluto mettere un punto alla polemica sulla riorganizzazione degli ospedali e sul loro rafforzamento in vista di una seconda ondata, difendendosi dall’accusa mossa dalle regioni. Secondo il commissario, tutte le regioni potevano “cominciare i piani a maggio”, e poi, “sarebbero state rimborsate”. Ecco, punto per punto, la sua spiegazione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Arcuri: “Le Regioni potevano cominciare ad allestire ospedali a maggio e le avremmo rimborsate, lo prevede il decreto”

next
Articolo Successivo

Veneto, appalto da 148 milioni per i tamponi rapidi: fornitura anche per altre sei Regioni

next