Lunedì 26 Ottobre 2020. Giampaolo è ancora un allenatore di Serie A. Abbiamo perso tutti.

Salve a tutti nemici, come state? Spero malissimo. Partiamo subito con lunedì scorso: è l’inizio della settimana della Champions, e in attesa di vedere campioni del calibro di Messi, Sergio Ramos e De Bruyne, ne vediamo uno che è un fritto misto di tutti questi messi insieme. Diteci se Mac Allister del Brighton non è la fusione uscita male.

View this post on Instagram

Raga ma Alexis Mac Allister del Brighton è la fusione fra Sergio Ramos e Messi. #Messi #Ramos

A post shared by CALCIATORIBRUTTI (@calciatoribrutti) on


Martedì torniamo a sentire la musichetta THE CHAAAAAAMPIOOOOOONSSS.

Bella prova delle italiane: la Juve vince a Kiev, Ciro Immobile si vendica della sua ex squadra.

E l’Udinese di Bruno Fernandes batte il PSG al Parco dei Principi.

View this post on Instagram

Bruno Fernandes capitano della sua Udinese in Champions League ❤️ #BrunoFernandes #ChampionsLeague

A post shared by CALCIATORIBRUTTI (@calciatoribrutti) on


Il Barcellona stravince, anche con il gol di un 17enne. Non Ansu Fati ma Pedri che, finita la partita, come qualsiasi poveraccio nei campi di provincia, raccoglie le sue cose in una busta da 5 centesimi della Lidl e va via in taxi. Sì, il giorno più bello della sua vita è finito così. La magia del calcio.

Ma l’idolo di giornata lo troviamo in Serie B e dove sennò. Ascoli-Reggiana, minuto 94: gli ospiti segnano la rete del 2-2 ma il guardalinee alza la bandierina per segnalare il fuorigioco. L’arbitro, Francesco Meraviglia, mima il gesto del VAR per andare a rivedere l’episodio. Se non fosse che… IN SERIE B NON C’È IL VAR. Grazie di esistere campionato cadetto.

Mercoledì CR7 in quarantena, così come abbiamo fatto tutti noi, decide di rasarsi, senza un senso logico. Sembra Crillin di Dragon Ball che ha fatto palestra.

View this post on Instagram

Va che bella capoccia che si è fatto il Sium. #Ronaldo #CristianoRonaldo #CR7 #Capelli

A post shared by CALCIATORIBRUTTI (@calciatoribrutti) on


Continua la Champions League con Marcus Thuram che per entrare a San Siro è costretto ad auto-googlarsi e far vedere la sua identità allo steward. Ma possibile che tutte ste cialtronate stiano accadendo in questo periodo?

Il Real Madrid cade in casa contro lo Shakhtar, l’Atalanta divora il Midtjylland e l’Inter si salva all’ultimo contro il MönchenCTRL+tasto shift+caps lock. Grazie a chi? Ovviamente Lukakone. Romelu ovunque proteggimi.

Spazio ai numeri: con la sconfitta dell’Atletico per 4-0, Gigi Suarez si è beccato 12 paperelle dal Bayern Monaco in soli 2 mesi. L’esame a Perugia non sembra più la cosa peggiore ora.

Giovedì di Europa League con Napoli sconfitto contro l’AZ Alkmaar, mentre Roma e Milan vincono. Brahim Diaz prenditi mia sorella.

Venerdì è il turno delle nuove divise Adidas ufficiali, nate dalla collaborazione con Pharrell Williams e la sua stampante che a quanto pare ha finito le cartucce e ha stampato ‘ste maglie così

View this post on Instagram

La nuova collezione @pharrell x @adidas. Pareri? #PharellWilliams #Adidas

A post shared by CALCIATORIBRUTTI (@calciatoribrutti) on

Passiamo al weekend, va. El Clasico se lo piglia il Real che vince 1-3 contro un Barcellona spento. Basti pensare che in 2 anni Lionel Messi non ha messo a segno un goal o un assist nei sette Clàsici disputati. Proprio da quando Cristiano Ronaldo non è più al Real Madrid. Gli manca l’amichetto.

L’Ajax vince 0-13 contro il Venlo. Eh oh, il decimo gol era su rigore inesistente, ha cambiato la partita. Finiamo la giornata con Cristiano Ronaldo che prende il sole.

Ma dove lo prende che c’è maltempo in tutta Italia? Probabilmente se l’è comprato e l’ha messo solo sul suo grattacielo.

La domenica comincia con la partita Benevento-Napoli. Insigne vs Insigne. Gol di Insigne e gol di Insigne. Migliore in campo: Insigne.

View this post on Instagram

R. Insigne ⚽ L. Insigne ⚽ Benevento-Napoli, la partita dell’Insigne² #Insigne #BeneventoNapoli #SerieA

A post shared by CALCIATORIBRUTTI (@calciatoribrutti) on

E Roberto Insigne, del Benevento, ci tiene a dimostrare tutto l’affetto per suo fratello nell’intervista post partita

View this post on Instagram

THE INSIGNES #Insigne #RobertoInsigne #Benevento #SerieA

A post shared by CALCIATORIBRUTTI (@calciatoribrutti) on

E con questa perla di saggezza velata ma non troppo, noi ci rivediamo speriamo (per voi) mai più.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Juventus, altro che “Pirlolandia”: col “Maestro” in panchina per ora solo una vittoria in 4 partite

next