Più di 70 auto danneggiate e vandalizzate nella notte. Tutte erano posteggiate nel parcheggio dell’ospedale Infermi, a Rimini. Appartengono a medici, infermieri, paramedici, operatori socio sanitari che stavano lavorando nel turno di notte di sabato 24 ottobre. La mattina di domenica la scoperta: le loro automobili erano diventate un bersaglio dei vandali.

Nei tre parcheggi riservati ai dipendenti dell’Ausl, in via Stampa e in via Settembrini, c’erano tantissimi vetri, finestrini e parabrezza spaccati, specchietti staccati, carrozzeria rigata. Dalle auto non è stato portato via nulla. “Non è certo il lavoro di un ubriaco o di qualche teppistello, quello di questa notte è un attacco mirato contro i sanitari – commenta a Il Resto del Carlino il responsabile della sicurezza dei lavoratori dell’Ausl, Andrea Boccanera – Accanto alle auto dei dipendenti dell’Ausl, a pochissimi metri, ce ne erano altre e non sono state toccate. Chi ha colpito, lo ha fatto scientificamente e mirava solo a danneggiare le vetture del personale sanitario”.

Secondo Boccanera, l’attacco mirato nasce dal volere “dare una lezione” ai sanitari che, con i loro appelli a proteggersi dal virus con le mascherine e il distanziamento, secondo alcuni “creano allarmismo“. Altre auto, circa 15, sono state vandalizzate poco distante, nei pressi di via Pintor. “Da anni chiediamo che vengano installate delle telecamere per garantire una maggiore sicurezza, speriamo che stavolta, dopo questo episodio, di venire ascoltati anche dalla nostra direzione sanitaria”, conclude Boccanera.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Lavoratori dello spettacolo protestano al Piccolo di Milano: “Tanti teatri moriranno”. Si unisce anche Paolo Rossi: “Priorità è anche la cultura”

next