“Sto qui sdraiata e prego che arrivi presto l’infermiera a portarmi le gocce perché solo se crollo riesco a calmarmi. I miei polmoni non funzionano più, li sento pieni d’acqua. Vorrei strapparmi dalla faccia questo bavaglio, ma se lo faccio crepo, perché da sola non ci riesco più a respirare”. È la testimonianza che arriva da una paziente 37enne ricoverata in terapia intensiva ad Alessandria, Clotilde Armellini, che ha scelto di pubblicare sui social network un video girato dal letto di ospedale. Nel filmato, di cui pubblichiamo un estratto, la donna appare per alcuni secondi visibilmente provata e sconvolta dalla malattia mentre medici e infermieri le fanno indossare il casco per la respirazione assistita. “Non vedo mio marito da giorni, sta male anche lui, barricato dentro casa con i nostri due figli, anche loro positivi. Vi auguro di non sapere mai cos’è la fame d’aria: è quando apri la bocca e inspiri ma non entra niente. Ti senti i polmoni chiusi come due sacchi rotti e boccheggi come un pesce rosso saltato sul pavimento”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Da LG una nuova soluzione per realizzare display super sottili per le TV

next
Articolo Successivo

Giro d’Italia a Milano, folla nelle strade del centro per assistere al passaggio dei corridori

next