Sul tema della scuola ho sentito in questi giorni alcune delle affermazioni più stupide e irresponsabili, come quella per cui le scuole sono le ultime cosa che dobbiamo chiudere. Questa è un’affermazione totalmente irresponsabile”. Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, esprime la sua contrarietà alla riaperture delle scuole in Campania, aggiungendo: “La priorità non sono gli ideologismi ma bloccare i contagi. Ricordo che qui abbiamo chiuso ospedali e reparti. Le ultime cose da chiudere sono gli ospedali, tanto per cominciare. E le decisioni non si prendono in astratto, ma sulla base dei numeri”.

Poi elenca i dati dei contagi ultimi a Napoli 2 per dimostrare come l’apertura delle scuole abbia inciso pesantemente sull’aumento dei casi: “Di fronte a questi dati dei contagi, che riguardano studenti, docenti e non docenti, qual è la risposta che la ragione ci consiglia di dare? Sicuramente non è quella irresponsabile che abbiamo sentito sulle scuole da chiudere per ultime. Io credo che la risposta ragionevole da dare sia un’altra – continua – e cioè evitiamo che il contagio si diffonda in maniera incontrollata anche sulla popolazione studentesca e sulle famiglie e cerchiamo di potenziare la didattica a distanza. Punto. Se qualcuno ha risposte più sensate e ragionevoli, cioè in grado di bloccare l’espansione incontrollata dell’epidemia, ce le fornisca. Noi siamo pronte ad accettarle. A oggi ci sono state dette solo cose di una banalità assoluta e di una irresponsabilità ancora più grande”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La povertà minorile rischia di tradursi in un declino culturale: un’emergenza a cui dedicare tutte le cure possibili

next
Articolo Successivo

De Luca: “Nel governo ci sono ministri perbene ma anche tangheri e sciacalli…”. E ringrazia Speranza, Lamorgese e Patuanelli

next