Piercamillo Davigo ha presentato un ricorso al Tar del Lazio per chiedere l’annullamento della delibera con la quale il 19 ottobre il Csm ha dichiarato la sua decadenza dalla carica di consigliere. Alla base della decisione del plenum, passata con 13 voti a favore, 6 contrari e 5 astensioni, c’è il fatto che l’ex pm di Mani Pulite ha appena compiuto 70 anni e quindi è costretto ad andare in pensione dalla magistratura. Davigo ha chiesto al tribunale amministrativo anche di sospendere in prima istanza la delibera, in modo tale da poter fare subito ritorno a Palazzo dei Marescialli. Su questo punto la decisione, riferisce l’Ansa, dovrebbe arrivare già giovedì 22 ottobre.

Nel frattempo al suo posto si è insediato proprio oggi Carmelo Celentano, il primo dei non eletti nel 2018 per la categoria dei giudici di legittimità. Il plenum ha infatti approvato la delibera della terza commissione che dispone il collocamento fuori ruolo di Celentano, fino a ieri sostituto procuratore generale della Cassazione. Il vicepresidente del Csm, David Ermini, gli ha dato il benvenuto, augurandogli buon lavoro, mentre lui ci ha tenuto subito a precisare il fatto di non appartenere “ad alcun gruppo associativo” della magistratura. “Un magistrato è magistrato e basta”, ha detto, ricordando di essere stato “candidato con l’appoggio di Unicost“, ma di non essere iscritto a quella corrente (la stessa di Palamara). Celentano entra subito a far parte anche della potente Sezione disciplinare del Consiglio superiore della magistratura nel posto lasciato ‘vacante’ proprio da Davigo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Certificazioni non conformi allegate in malafede”, le accuse all’imprenditore arrestato per l’affare delle mascherine alla Sardegna

next