Il calcio a 5 è di nuovo commissariato. Il Collegio di garanzia del Coni ha dato ragione alla Lega Dilettanti di Cosimo Sibilia, che in estate aveva deciso il commissariamento della divisione dopo le dimissioni dell’ex presidente Andrea Montemurro, anche per far luce sulla precedente gestione (alcune presunte irregolarità amministrative sono finite al centro dei rilievi degli organi di vigilanza interni, ma già archiviati dalla procura federale). Proprio la giustizia della Federcalcio di Gabriele Gravina, però, si era opposta a questo commissariamento, annullandolo e reinsediando il vecchio comitato direttivo con a capo il vicepresidente ed ex braccio destro di Montemurro, Gabriele Di Gianvito.

Come ha raccontato ilfattoquotidiano.it, dietro il contenzioso c’è il braccio di ferro politico fra Gravina e Sibilia, rispettivamente n. 1 e 2 della Federcalcio, probabili sfidanti a marzo per la guida del pallone italiano. Oltre a valere qualche voto (piccolo, ma prezioso), il calcio a 5 può rappresentare un fronte interno alla potente Lega Dilettanti. Con la pronuncia odierna, invece, la Divisione torna sotto il controllo della Lnd: si tratta per il momento solo di una decisione cautelare, la Terza sezione spiega di voler approfondire in particolare la questione della giurisdizione, sollevata dalla Lega, secondo cui i tribunali federali non avrebbero avuto competenza per annullare il commissariamento. In attesa del giudizio di merito, il calcio a 5 è di nuovo sotto la guida del commissario Giuseppe Caridi.

Twitter: @lVendemiale

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Amazon mette il calcio nel mirino: dal 2021 trasmetterà 16 partite di Champions League

next