L’incontro nazionale che chiuderà gli Stati Generali del Movimento 5 stelle si terrà a distanza. Dopo le voci dei giorni scorsi, ora è arrivata la conferma dal parte del capo politico Vito Crimi con un post sul Blog delle Stelle: “La pandemia che stiamo attraversando richiede assunzione di responsabilità da parte di noi tutti e assoluto rispetto delle norme igienico sanitarie e delle restrizioni. Gli Stati Generali del Movimento 5 Stelle sono un momento di confronto ormai non rinviabile, ma in ottemperanza alle disposizioni assunte del governo, l’incontro nazionale non potrà che essere svolto a distanza“. L’incontro, che inizialmente avrebbe dovuto svolgersi il 7 e l’8 novembre a Roma, è stato quindi posticipato di sette giorni: “Per poter predisporre la modalità telematica che consenta ai tavoli di lavoro di potersi confrontare approfonditamente, la due giorni di chiusura dovrà essere rinviata di una settimana e pertanto si svolgerà nelle date del 14 e 15 novembre“, ha spiegato sempre Crimi.

Tra i primi a commentare la scelta i due capigruppo M5s alla Camera e al Senato. “La scelta di rinviare gli Stati generali di pochi giorni – dice da Montecitorio Davide Crippa – per poterli svolgere, in sicurezza, rispettando le norme disposte dall’esecutivo, attraverso la modalità telematica, è una scelta di buon senso e responsabile”. Poi aggiunge: “In un momento nel quale ai cittadini sono chiesti dei sacrifici e di osservare le regole, ognuno deve fare la sua parte”. “Incontrarci in questo modo non è una novità per una forza politica innovativa come la nostra”, conclude Crippa. Parla di scelta “giusta e responsabile” anche Gianluca Perilli: “Il quadro epidemiologico italiano e lo sforzo che stiamo compiendo per contenere il contagio impongono alcuni sacrifici a tutti, seppure contenuti. Non sarà questo piccolo accorgimento logistico a ridurre l’importanza di questo momento di confronto, analisi e rilancio del M5s. Adesso dedichiamoci all’elaborazione di buone idee e nuove proposte per l’Italia”, spiega il capogruppo M5s al Senato.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery Fund, Sanchez: “Non rifiutiamo prestiti, vogliamo gestirli al meglio. Mes? Ora la Bce ci aiuta comprando debito pubblico”

next
Articolo Successivo

Coprifuoco in Lombardia, Salvini ‘convoca’ Fontana: “Prima di chiudere voglio capire”. E il governatore ancora non ha firmato l’ordinanza

next