Sarri? Ho un ottimo ricordo della persona e mi ha lasciato una grande impressione. Sono felice che abbia vinto lo scudetto con noi. All’interno di uno spogliatoio si deve creare un’alchimia per superare ostacoli, ma questa cosa con Sarri non si è creata con tutto l’ambiente in generale”, così Andrea Angelli, dopo l’Assemblea degli Azionisti. Alla domanda se il nuovo allenatore Pirlo verrà giudicato dalla Champions risponde: “Per i media è così da cinquanta anni con la Juventus. Il nostro principale obiettivo è vincere il campionato, poi la Coppa Italia e la Supercoppa italiana e cercare di vincere anche in Europa. Non riuscirci non vuole dire fallimento. Ho l’impressione che l’ambiente calcio non veda l’ora di giudicarci dopo due sconfitte. Pirlo non ha avuto il precampionato e in più è al debutto assoluto in panchina”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Agnelli: “Calcio perde per la prima volta da 20 anni. Perdiamo 3,9 miliardi per lo stadio, 1,5 per mancati accordi e 1 per diritti tv”

next
Articolo Successivo

Serie C, terra di sventura e avventurieri: dopo la farsa Trapani, ecco il dramma Livorno. Il ruolo delle banche e quello di chi dovrebbe vigilare

next