Niente rimborsi per l’acquisto di mascherine, nessuna formazione, al massimo “un tutorial sulla vestizione e la svestizione. I nostri volontari stanno gettando la spugna, non se la sentono più di rischiare”. A denunciare la situazione in cui versa il volontariato del 118 in Sardegna è Pierpaolo Emmolo, responsabile del Soccorso Iglesias e referente di una settantina di associazioni (su 195 in tutta l’isola) del Centro-Sud Sardegna: “È capitato diverse volte, interveniamo per un incidente, una caduta, e poi scopriamo che il paziente era positivo al Covid-19. Chiediamo di fare il tampone e la risposta è più o meno sempre la stessa: mettetevi in quarantena, chiudete l’ambulanza e organizzatevi per conto vostro”.

I motivi per cui molti volontari abbandonano il servizio sono – secondo Emmolo e altri rappresentanti delle associazioni Libere, delle Misericordie e delle cooperative sociali in Sardegna – da imputare a un sistema disorganizzato e senza regole. “In diverse Regioni si danno encomi ai volontari, qui i nostri ragazzi sono costretti a rifiutare il servizio perché privi di protezione, spesso vengono umiliati o ridicolizzati dagli stessi operatori sanitari”. E dal referente del Soccorso Iglesias parte un appello: “Siamo ancora molto lontani dal vedere esaudire le nostre richieste, aspettiamo ancora i rimborsi per i dispositivi di protezione”.

Le rivendicazioni da parte del 118 in Sardegna, risalgono a giugno, quando i rappresentanti dei volontari delle centrali operative di Cagliari e Sassari scesero in piazza per chiedere un tavolo di confronto, denunciando un sistema “disorganizzato, disomogeneo, senza regole né protocolli chiari”, come riporta Unioneonline. Il 9 agosto si rivolsero invece con una lettera anche al ministero della Salute: “Non è ulteriormente tollerabile che i nostri operatori siano mandati con assoluta noncuranza dei rischi a svolgere un incarico che non è di loro competenza”. Grazie a quest’azione, in una riunione con i vertici di Areus (Azienda regionale dell’emergenza e urgenza della Sardegna) è stata approvata una nuova convenzione ed è stato scritto un protocollo con le norme anti-Covid. Prendiamo atto di questi impegni concreti, ma i nostri problemi non si risolvono qui. Inoltre non accettiamo che vengano autorizzate al servizio associazioni illegali, gente che per 400 euro al mese opera 12 ore a testa senza riposi e magari per l’inesperienza e la stanchezza si schianta tra gli alberi del Policlinico o provoca gravi incidenti stradali”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino antinfluenzale, in Lombardia a ottobre solo 50 dosi a medico (non ancora arrivate). Pd: “Così scoperte anche le fasce più fragili”. In Veneto già consegnate 400, in Emilia oltre 200

next
Articolo Successivo

Coronavirus, 5.901 nuovi casi con 112.544 test. Crescono i ricoveri in terapia intensiva: +62. Nelle ultime 24 ore altri 255 posti letto occupati

next