Da un lato il rischio di lasciare a piedi 275mila persone ogni giorno, dall’altro la possibilità che si generino assembramenti alle fermate e nelle stazioni. È lo scenario ipotizzato in uno studio da Asstra, l’associazione che riunisce le società di trasporto pubblico locale, di fronte all’ipotesi che a causa della risalita della curva epidemica, nelle prossime settimane venga decisa una stretta alla capienza consentita su bus, tram e metropolitane.

Simulando una capienza dei mezzi di trasporto pubblico locale al 50%, ogni giorno, si legge nello studio, “si impedirebbe a circa 275mila persone al giorno di beneficiare del servizio di trasporto sia per motivi di studio che di lavoro”. Secondo l’Ufficio studi di Asstra, ulteriori limitazioni al servizio “obbligherebbero buona parte dell’utenza a fare ricorso alla mobilità privata per continuare ad effettuare i propri spostamenti”.

E ipotizzando che l’utenza trasferisca le proprie abitudini di mobilità dal mezzo pubblico all’autovettura, “si potrebbero generare da oltre 42mila a oltre 250mila spostamenti in auto in più ogni giorno solo nelle ore di punta mattutine”. Non solo. Stando ai calcoli dell’associazione, se si verificasse una riduzione ulteriore del riempimento dei mezzi, attualmente consentito all’80%, “risulterebbe difficile per gli operatori continuare a conciliare il rispetto dei protocolli anti Covid-19 e garantire allo stesso tempo il diritto alla mobilità per diverse centinaia di migliaia di utenti ogni giorno”. La conseguenza? Per le società c’è il “rischio di fenomeni di assembramento alle fermate e alle stazioni”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tamponi rapidi dai pediatri, Biasci: “C’è confusione, servono chiarimenti”. E spiega: “Non siamo attrezzati come un pronto soccorso”

next
Articolo Successivo

“In corsia per 6 giorni con sintomi del Covid”: primario dell’ospedale di Belluno indagato per epidemia colposa, in 4 per favoreggiamento

next