Genoa-Torino non si giocherà. È questa la decisione presa dal Consiglio della Lega Serie A riunito in via straordinaria per deliberare sulla possibilità di scendere in campo o meno dopo i 15 casi di positività al coronavirus accertati nel gruppo-squadra dei rossoblù. Il match era in programma sabato 3 ottobre alle ore 18 allo stadio Ferraris. Oltre al rinvio del match ha previsto, il Consiglio ha deciso che, da adesso in poi, verranno applicate le norme Uefa.

In sostanza, se una squadra ha 13 calciatori a disposizione compreso un portiere, la partita si potrà svolgere. La squadra che non scenderà in campo subirà la sconfitta per 0-3 a tavolino. Il Consiglio ha inoltre stabilito, nel caso in cui si dovessero registrare in settimana almeno dieci positività nel proprio organico, la possibilità per una volta nell’arco della stagione, di chiedere il rinvio della partita.

Questo sarà il turno dei rossoblù, che sono in grave difficoltà dopo il focolaio scoperto nei giorni della partita di Napoli. In mattinata, la Asl ha anche fermato gli allenamenti dei 12 giocatori a disposizione di Rolando Maran che avrebbero dovuto dividersi in due gruppi. I sanitari hanno imposto lo stop in attesa di nuovi tamponi e hanno concordato che l’allenamento si terrà venerdì.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lazio-Atalanta, Gasperini dopo il poker: “Scudetto? Siamo più consapevoli della nostra forza. Quest’anno lotta sarà più equilibrata”

next
Articolo Successivo

Caso Suarez, l’università per stranieri di Perugia e i certificati di italiano: un business che vale un milione e mezzo l’anno

next