“No Cpr – No Lager di Stato“. Con questa scritta alcuni manifestanti hanno protestato oggi in via Corelli, a Milano, contro l’apertura del Cpr, Centro di permanenza per il rimpatrio, nel capoluogo lombardo. Il sit-in è stato organizzato dalla rete ‘Mai più lager – No ai Cpr’ per impedire lo spostamento dei primi migranti, che, secondo gli organizzatori, dovrebbero arrivare oggi. Sul posto la polizia in assetto antisommossa. “Ci fermeremo qui a oltranza, invitiamo la popolazione a partecipare alla mobilitazione”, hanno scritto su Facebook gli organizzatori lanciando il falshmob.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, crescono i contagi: sono 1.851 con oltre 105mila tamponi. Altre 19 vittime

next
Articolo Successivo

Alberto Cirio come Aldo Moro, il volantino comparso a Torino contro il governatore del Piemonte: indaga la Digos

next