Il risultato del modello Pomigliano d’Arco a casa di Luigi Di Maio è una medaglia col suo rovescio. I governisti lo esaltano. Ritengono riuscito l’esperimento del laboratorio politico, la città capofila dei primissimi accordi tra Pd e M5s alle elezioni amministrative, benedetti dal voto sulla piattaforma Rousseau in extremis. E sono fiduciosi in vista del ballottaggio. In realtà, se si gratta la scorza del brillante 41,8% del candidato sindaco Gianluca Del Mastro, ci si accorge che la presunta pepita è una mezza patata. Basta confrontare i numeri. Alle comunali i 5 Stelle sono inchiodati a un modesto 10%, mentre nello stesso giorno alle Regionali hanno conquistato il 20% (e la candidata presidente Valeria Ciarambino, pomiglianese anche lei, supera il 21%). Una flessione tra le due schede molto più grave di quella dei dem di Pomigliano, che alle Regionali sfiorano il 12% e alle comunali non toccano il 10%. Dati che sono comunque meno sconfortanti rispetto all’irripetibile boom M5s delle politiche 2018.

L’esperimento, quindi, è riuscito a metà. E poteva andare anche peggio, se avessero sbagliato candidato. Il papirologo Del Mastro, presidente dell’Ente Ville Vesuviane, ottiene infatti 3 punti percentuale in più rispetto alla somma delle sette liste che lo hanno sostenuto e dimostra di essere un valore aggiunto al ‘laboratorio politico’. Mentre la sua rivale, l’azzurra Elvira Romano, vice sindaco della giunta uscente guidata da Raffaele Russo, si ferma al 39,7%, quasi 7 punti percentuali in meno dei voti raccolti dalla sua coalizione di sei liste.

Il trend è chiaro e fa di Del Mastro il grande favorito per il ballottaggio del 4 e 5 ottobre. La sua vittoria seppellirebbe sotto il tappeto la polvere di anni di frizioni nel Movimento di Pomigliano. A lungo spaccato in due tra gli amici di Di Maio del Liceo Imbriani e gli attivisti esclusi dal giro di giostra a Roma e mortificati – lamentavano – sul territorio. Una delle cause dello scontro interno fu il fedelissimo di Di Maio, Dario De Falco. Consigliere comunale e capo della segreteria politica del ministro. Per lui si derogò alla sacra regola pentastellata del no ai doppi incarichi. Tra i mal di pancia. De Falco avrebbe dovuto essere il candidato sindaco dei Cinque Stelle. Si è fatto da parte in extremis per favorire l’accordo last-minute col Pd, possibile solo su un nome ‘terzo’ come quello di Del Mastro. Se l’alleanza giallo-rosa prevarrà al ballottaggio, sarà anche merito del suo passo indietro.

I ‘governisti’ esultano anche per la vittoria al primo turno a Caivano dell’ambientalista Vincenzo Falco e per il ballottaggio a Giugliano (la terza città della Campania) di Nicola Pirozzi. Pure qui, però, bisogna fare dei distinguo. A Caivano l’alleanza giallo-rosa ha ricompreso – caso unico in Italia – i renziani di Italia Viva. E per capire la portata della notizia, bisogna riavvolgere il nastro alle parole con le quali il presidente di Iv Ettore Rosato ha spiegato la decisione di sostenere a Pomigliano il centrodestra. “A Pomigliano Italia Viva sosterrà Elvira Romano con altre liste civiche, sfidando il candidato Pd-M5S Del Mastro. Da parte nostra – argomentò Rosato – è una sfida prima di tutto amministrativa, visto che Elvira Romano rappresenta un’amministrazione che ha lavorato bene, ma è diventata anche una sfida politica considerato che Pd e M5s hanno scelto questo comune, come laboratorio per i loro esperimenti di convivenza stabile. Noi naturalmente non possiamo che essere alternativi a questo scenario”. Alternativi, sì, ma con l’eccezione di Caivano dove, come ha documentato un video di una testata locale, Rosato ha commentato l’accordo con dem e 5 Stelle svelando “che era stato fatto un errore, nulla di drammatico, tanto il programma è lo stesso nostro…”. Peraltro Falco aveva in coalizione Articolo 1, Verdi e persino Noi Campani di Clemente Mastella. Governisti, sì. Ma sul modello dell’ultimo governo Prodi…

A Giugliano invece si fa allo spareggio. Il ‘giallo-rosa’ Pirozzi al primo turno ha raggranellato il 33%, contro il 37% del sindaco uscente Antonio Poziello. C’è poco da sorridere però se si va a guardare il risultato delle singole liste: M5s al 6%, Pd all’8,5%. Per i dem una spiegazione c’è: Poziello è uno di loro, pesca nel loro elettorato, già nel 2015 si candidò con il sostegno di Vincenzo De Luca ma ‘contro’ il Pd che concesse il simbolo a un rivale. La lista ‘Poziello sindaco’ ha doppiato i democrat, raggiungendo il 16%. Mentre alle Regionali il Pd ha raccolto il 13%, come il M5s. Voti che nelle comunali si sono dispersi in diversi rivoli, e non tutti portavano a Pirozzi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Veneto eletti in Consiglio regionale due condannati, camaleonti della politica e l’uomo che insultò Kyenge: ecco chi appoggerà Zaia

next
Articolo Successivo

Zingaretti in vista dei ballottaggi nei Comuni: “Agli alleati dico che è il tempo dell’unità”

next