Brad Parscale, ex manager della campagna elettorale di Donald Trump, è stato fermato dalla polizia di Fort Lauderdale, in Florida, e ricoverato in ospedale dopo essersi barricato nella sua abitazione ed aver minacciato con un’arma di suicidarsi. L’allarme era stato lanciato dalla moglie di Parscale. Il licenziamento del manager risale a giugno, quando è stato silurato dopo il flop del comizio di Tulsa, in Oklahoma. In quell’occasione, nel pieno della pandemia di Covid, la campagna elettorale del presidente era stata beffata dagli utenti di Tik Tok, che avevano prenotato biglietti in massa – non presentandosi – per fare naufragare l’evento. Poche ore prima, però, Parscale su Twitter aveva annunciato che per la convention erano arrivate ben un milione di richieste di biglietti. Ma non si è visto niente che si avvicinasse a quella cifra stratosferica, anzi. Trump non era nemmeno riuscito a riempire l’arena da 19mila posti del Bok Centre. Da lì il licenziamento.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Trump non ha pagato tasse per almeno 10 degli ultimi 15 anni. Versati solo 750 dollari nel 2016 e 2017”

next