Lo abbiamo visto nei panni del Superman della Dc Extended Universe e ora in quelli del detective Sherlock Holmes, nel film di Netflix Enola Holmes: ma nella carriera di Henry Cavill manca ancora un personaggio per realizzare i suoi sogni, quello dell’agente 007. “Se Barbara (Barbara Broccoli, produttrice degli 007, ndr) e Mike (Michael G. Wilson, co-produttore) fossero interessati a me, coglierei assolutamente l’opportunità – ha detto durante un’intervista al magazine GQ – Vedremo cosa succederà ma sì, mi piacerebbe interpretare Bond. Sarebbe molto emozionante”.

L’attore aveva già provato in passato a vestire i panni dell’agente segreto. Precisamente nel 2006, quando partecipò ai provini per ottenere il ruolo: ma Martin Campbell, regista di Casino Royale, lo giudicò “troppo grasso” per interpretare James Bond. “Non sapevo che fare – racconta Cavill – se allenarmi o stare a dieta. Tuttavia sono contento che Martin mi abbia detto questa cosa, perché reagisco bene alla verità. Mi aiuta a migliorare me stesso”. Al suo posto in quell’occasione scelsero Daniel Craig, ma forse questa volta qualcuno risponderà al suo appello.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Il giorno sbagliato, Russel Crowe è un villain coi fiocchi da cinema horror

next
Articolo Successivo

Sto Pensando Di Finirla Qui, Charlie Kaufman stravolge il tempo per raccontare le nostre paure

next